Cool logo: 7 fatti e miti

Cool logo divertente

Creare un logo per un cliente non è un compito facile. Se pensi che 100-150 bozze siano un numero enorme, considera questo fatto: designer professionisti e aziende specializzate creano migliaia di bozze per ogni cliente.

Crea il tuo logo con il Turbologo logo maker. Ci vogliono meno di 5 minuti e non sono necessarie competenze di progettazione.

Crea un logo

Sfortunatamente, è improbabile che i risultati soddisfino le aspettative. Tutti vedono un logo in modo diverso ed è davvero difficile trovare due persone le cui idee sullo stesso argomento siano almeno simili in questo campo. Alcuni clienti sono interessati solo agli aspetti tecnici della creazione del logo. È importante che un designer si attenga alla descrizione dell’attività e crei qualcosa che sia vicino a ciò che il cliente ha descritto. Ma, ovviamente, è importante conoscere e utilizzare buoni principi di progettazione del logo quando si lavora per il risultato. Ad alcuni clienti piacciono le idee, per loro è importante che un logo abbia qualcosa al suo interno. Possono sfogliare decine, centinaia, migliaia di bozze prima di trovare qualcosa che possa assomigliare a quello che si aspettavano di vedere come uno schizzo perfetto. Ma l’attesa e il risultato non sono mai gli stessi.

Altri 5-6 anni fa, nessuno approfondiva il processo di creazione e, di fatto, il significato stesso di un logo per un’azienda. L’hanno fatto principalmente per il fatto che tutti lo avevano, quindi anche loro ne avevano bisogno. E parlando con i designer, i clienti potrebbero riferirsi a un logo come “etichetta”, “immagine” e persino “un’iscrizione per stamparlo”. Una versione così confusa dei requisiti potrebbe trasformarsi nello stesso risultato e, naturalmente, un tale logo difficilmente avrebbe realmente rappresentato l’azienda e raggiunto i clienti.

Vediamo come creare un buon logo e quali sono i principi importanti per il design del logo cool.

Il logo è un analogo di un marchio di qualità

mercedes-logo

La cosa più importante da ricordare è che il logo è un segno di qualità. Questo è l’unico modo in cui dovrebbe essere posizionato, se non dal cliente, almeno dal creatore.

Ad esempio, la vendita di qualsiasi prodotto dovrebbe essere associata a qualcosa dell’acquirente, quindi l’immagine visiva in questo momento contiene sempre il logo. Lo stesso vale quando si forniscono servizi. Un logo riflette sempre l’alta qualità dei beni e dei servizi dell’azienda che li fornisce. Un rapporto di causa-effetto dovrebbe apparire alla sola vista di un logo: “Ho bisogno di qualcosa – vedo il logo – La qualità è alta – voglio comprarlo”.

Pertanto, un logo è il vettore delle proprietà di un prodotto o servizio. Pertanto, i prodotti di marca appartengono a un segmento costoso del mercato tra prodotti e servizi simili.

E se il logo di un’azienda è sconosciuto, un acquirente sarà prima diffidente nei confronti del prodotto, indipendentemente dalle eccellenti qualità che possiede. Dovremmo anche menzionare il logo che funge da potente pubblicità ma rappresenta un prodotto di dubbia qualità. Sì, certo, un prodotto del genere attirerà l’acquirente, ma avverrà solo come vendita una tantum.

Ora è chiaro perché ci sono state tutte le numerose cause legali riguardanti l’abuso dell’uno o dell’altro logo. Solo una volta un logo dovrebbe apparire in una campagna dubbia (che offre un prodotto scadente o un servizio di scarsa qualità) un logo interessante può perdere completamente il suo precedente fascino per il consumatore. E queste saranno perdite multimilionarie per i proprietari, e tutte le azioni di PR e il marchio diventeranno uno spreco di denaro e tempo.

A volte basta un testo

loghi di testo

Paul Rand ha creato l’iscrizione blu famosa in tutto il mondo su uno sfondo ovale giallo già nel XX secolo e da allora questo logo è diventato un famoso logo IKEA.

Ora i clienti richiedono iscrizioni sempre più semplici ma memorabili, sfortunatamente o fortunatamente non sono in onore. Pertanto, la proprietà unica di un logo come la memorabilità è quasi persa.

Un cliente moderno richiede una visualizzazione estremamente chiara di un prodotto o servizio su un logo. Un negozio di alimentari è un’immagine di prodotti o cestini di prodotti, un’impresa edile è uno strumento di costruzione, le tute sono un casco o una vestaglia, un CENTINAIO è un’auto o delle chiavi e così via.

Il più sorprendente è il fatto che i loghi dei titani del mercato internazionale di beni e servizi non sono assolutamente collegati visivamente con i prodotti dei marchi che rappresentano.

Passaggio all’opzione più semplice

storia del logo Samsung

Anche i giocatori più forti una volta avevano altri loghi: Nokia aveva una testa di pesce e Samsung vendeva riso e un logo associativo corrispondente. Ma ora hanno ricevuto non solo molti anni di esperienza nel mercato globale ma anche un’immensa saggezza, quindi il loro logo è ora un testo conservatore.

Ma questo è successo nel tempo, gradualmente le aziende sono diventate universali e non si sono specializzate in una cosa, e una società dovrebbe avere un marchio. Quindi i loghi hanno gradualmente eliminato il carico aggiuntivo di spazzatura visiva e si sono trasformati in loghi graficamente conservativi.

La percezione visiva del logo e la formazione di legami associativi

loghi Apple

Quando i consumatori ricevono un ottimo prodotto o un servizio di qualità, ricordano intuitivamente il logo dell’azienda. Anche se il logo sembra disgustoso, la persona lo ricorderà e, se necessario, cercherà. Questo diventerà il suo indicatore grafico per una buona qualità.

Il punto principale è che a volte dovresti ritirarti almeno un po ‘dai canoni riconosciuti di un logo di alta qualità. Ad esempio, prendi Apple, vende mele? Li coltivano? No, ma il logo funziona secondo lo schema “emblema uguale qualità”.

A volte puoi semplicemente avviare il prodotto e aspettare un po ‘, forse il design perfetto ti verrà in mente più tardi.

La più difficile è una situazione in cui il cliente arriva e chiede sinceramente un buon logo come Apple Mac / Nokia / Nike e altre società, spesso c’è insoddisfazione per il risultato. Considerando che questi loghi sono all’apice della semplicità e del minimalismo, i clienti lo chiedono e deludono nell’ottenere la stessa cosa.

E l’inconveniente qui è che un cliente si aggrappa all’uno o all’altro logo con le proprietà di qualità del prodotto e non con il logo stesso, ma non riceve un tale effetto dal suo marchio. Questo effetto si ottiene con il duro lavoro e la qualità, guadagnata dal suo consumatore.

Il logo è una perdita di tempo

senza logo

Alcune aziende credono sinceramente nell’affermazione di cui sopra ed ecco un esempio: una certa società di distribuzione impegnata nell’affitto e nella vendita di cinematografia ha ostinatamente evitato per molto tempo la creazione del proprio logo credendo fermamente che “nessuno ne ha bisogno, verranno e prenderanno il film.” E in parte i manager dell’azienda avevano ragione, anche se il logo è lì, non rifletterà la qualità dei film che rappresenta. Molto spesso in tali situazioni, la decisione chiave viene presa dopo aver esaminato il cartellino del prezzo. Ma ci sono certamente alcuni vantaggi sopra menzionati nell’avere un logo che potrebbe essere utilizzato a vantaggio di un’azienda.

Prima gli affari, poi il logo

Questa situazione si osserva spesso con gli imprenditori in fase di avviamento: stanno progettando di fare qualcosa per molto tempo, scelgono anche il nome per molto tempo e quando si tratta del logo … Di conseguenza, l’attività semplicemente non si avvia , a causa dell’eccessiva attenzione alla grafica di accompagnamento. E questo non è l’unico errore comune, consideriamone qualcun altro:

  • i giovani imprenditori creano essi stessi un logo aziendale e utilizzano i servizi delle aziende del profilo per valorizzare le loro creazioni;
  • preoccuparsi troppo del nome, gettando tutte le forze e i pensieri su di esso;
  • lascia che le cose facciano il loro corso o fallo con scetticismo.

E c’è chi investe tutte le proprie energie negli affari. Vale la pena menzionare la frase banale, ma importante: “Il business è primario, il logo è decimale”.

Risultati

Il logo deve essere accattivante e conservativamente semplice. È il segno della qualità. Sì, è solo un modulo di marchio e non fa il suo lavoro per il titolare dell’azienda, ma un logo può essere un timbro vivido e memorabile del prodotto.

Pertanto, se lo smartphone Samsung non avesse soddisfatto le aspettative, il prossimo, molto probabilmente, verrà acquistato da Apple. Anche enormi infusioni di denaro non saranno in grado di cambiare nulla. Nessun logo multielemento sarà efficace. La brevità è ciò che verrà ricordato. E lo scopo principale di un logo è essere ricordato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *